Fondazione di Piacenza e Vigevano calendario
  Come Richiedere un Contributo
spazio
  News
spazio
  Rassegna Stampa
spazio
  Comunicati Stampa
spazio
  Eventi Auditorium Piacenza
  Aprile 2016
L M M G V S D
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  

<< mese corrente >>
spazio
  Eventi Auditorium Vigevano
spazio
  Newsletter
spazio

invia
 
Home Page     Eventi Auditorium Piacenza    

Eventi Auditorium Piacenza

In questa sezione del sito è possibile consultare tutti gli eventi promossi e organizzati dalla Fondazione di Piacenza e Vigevano.



Responsabile Eventi in Fondazione

Dott.ssa Tiziana Libé
Telefono: 0523.311116
Fax: 0523.311190

E-mail: presidenza@lafondazione.com


spazio

Aprile 2016

18 eventi presenti

5/4/2016 - ore 15:30 - Auditorium della Fondazione

CARTOLINE FRANCESI

CARTOLINE FRANCESI

Ciclo di incontri letterari

Il paradiso degli orchi
Daniel Pennac, 1985


Associazione Culturale Italo Francese

Ciclo di incontri letterari a cura di Salvatore Mortilla

Approfondisci | Stampa evento | Programma in .pdf |

spazio

6/4/2016 - ore 18:00 - Auditorium della Fondazione

“QUASI ALLA FINE DEL MONDO” – «Percorso di mondialità consapevole»

“QUASI ALLA FINE DEL MONDO” – «Percorso di mondialità consapevole»

Spazi di mondialità: dalla consapevolezza all’azione | Terza edizione aprile-giugno 2016

Il quadro globale che emerge dal Rapporto ISPI 2016

Paolo Magri - Direttore ISPI Istituto per gli studi di politica
internazionale

LA STRUTTURA DEL PERCORSO
Giunto alla sua terza edizione, “Quasi alla fine del Mondo” si propone di offrire ai partecipanti una visione da più prospettive di alcune tematiche di attualità, proponendosi come uno strumento per orientarsi consapevolmente nella conoscenza e azione nell’ambito della mondialità. A partire dall’approfondimento teorico offerto da esperti nei settori affrontati, il percorso si arricchirà di incontri con e presso significative realtà locali che nel loro agire affrontano i temi in questione.

Approfondisci | Stampa evento | Programma in .pdf |

spazio

6/4/2016 - ore 12:30 - Salone d'Onore di Palazzo Rota Pisaroni

PROGETTO ACCOGLIENZA ABITATIVA CASA TRA LE CASE

PROGETTO ACCOGLIENZA ABITATIVA CASA TRA LE CASE

Conferenza stampa - Presentazione progetto

INTRODUZIONE GENERALE ALLA CONFERENZA STAMPA ED AL PROGETTO
MASSIMO TOSCANI PRESIDENTE FONDAZIONE


ILLUSTRAZIONE PREMESSE AL PROGETTO, SITUAZIONE POVERTA’ SOCIALE E DISAGIO ABITATIVO
GIUSEPPE CHIODAROLI DIRETTORE CARITAS DIOCESANA


ILLUSTRAZIONE TECNICA PROGETTO, OBIETTIVI, AZIONI E RISORSE NECESSARIE, SOSTENIBILITA’, GOVERNANCE
FRANCESCO ARGIRO’ RESPONSABILE AREA PROMOZIONE UMANA CARITAS


PROGETTO ACCOGLIENZA ABITATIVA CASA TRA LE CASE

I cambiamenti sociali, economici e relazionali intervenuti negli ultimi anni hanno causato pesanti ricadute in diversi ambiti.
Tra queste, una delle più rilevanti riguarda il problema casa, inteso non solo come mura domestiche, ma anche come luogo di relazione.
Attraverso un focus dinamico sui vari campi del sociale connessi al problema è emerso che questo colpisce in modo indiscriminato tanto famiglie, anche sotto sfratto con minori con ridotta o inesistente capacità contributiva, quanto single occupati, con lavori a tempo determinato, o in particolari settori (logistica, ristorazione, pulizia), con orari lavorativi incompatibili con quanto messo a disposizione dalla rete di accoglienza del territorio (Caritas, Comune di Piacenza, Associazione Arcobaleno, Ronda della Carità).
Caritas Diocesana Piacenza-Bobbio e Fondazione Piacenza e Vigevano hanno condiviso un progetto che affronta il problema in modo trasversale e innovativo.
Il progetto infatti, dedica molto spazio anche agli aspetti educativi e di accompagnamento allo scopo di aiutare le persone ad uscire dalla propria situazione di povertà, sia attraverso l’acquisizione di capacità nella gestione degli aspetti minimi della vita sia nell’avviamento al lavoro laddove necessario, consentendo loro l’opportunità di uscire dal sistema di welfare in autonomia.
Fondamentale per raggiungere questi obiettivi sarà la creazione di una rete che, sensibilizzando e coinvolgendo il territorio, contribuisca ad una mitigazione dell’emergenza abitativa.
In questo senso diventa indispensabile la collaborazione con i soggetti istituzionali per la presa in carico e per la condivisione della progettualità.
Attraverso la collaborazione con diverse realtà, ad esempio enti ecclesiastici e della società civile, si mira reperire un numero totale di 25 appartamenti, messi a disposizione di famiglie che presentano, nella fase di attivazione del progetto, ridotta capacità contributiva, che vivono in situazioni di precarietà abitativa o addirittura sotto sfratto esecutivo, con l’obiettivo di far partecipare al progetto un numero di famiglie compreso tra 60 e 80 e di singoli tra i 15 e i 25 nell’arco dei quattro anni.
Una Equipe di accesso, composta dal coordinatore del progetto, da referenti Caritas e da un referente della Fondazione, individuerà le famiglie con i requisiti necessari per la partecipazione al progetto.
Valuterà anche tra quelli disponibili l’appartamento adeguato alle loro necessità, considerando anche le segnalazione ricevute dai servizi sociali dei vari comuni.
Una volta reperiti gli alloggi, tenendo conto dei bisogni evidenziati e dei soggetti che potranno accedere al progetto, sarà stipulato direttamente tra i proprietari e gli ospitati, col sostegno del progetto, un contratto con canone sociale calmierato (canone < 50% dell’affitto di riferimento della zona).
I beneficiari dell’appartamento saranno tenuti a corrispondere l’importo concordato e il pagamento delle utenze.
Alla base dell’inserimento nel programma, si pone un progetto educativo personalizzato che, partendo dalla conoscenza dei componenti la famiglia e dei loro bisogni, permette di sostenerne i membri nei vari ambiti, supportandoli con un affiancamento consono alle loro necessità.
Viene redatto anche un progetto lavorativo modulato in considerazione delle necessità, attraverso tirocini, formazione, coinvolgimento in progetti già avviati.
A questo scopo Caritas, attraverso i Laboratori, il progetto Intrecci e soprattutto il progetto Lavor-io, fornisce importanti possibilità che si uniscono alle risorse che il territorio si auspica possa attivare.
Partendo dall’emergenza abitativa in particolare e sociale in generale, attraverso un’azione educativa e responsabilizzante, sarà quindi possibile raggiungere un obiettivo di grande rilevanza sociale e territoriale.

Approfondisci | Stampa evento | Programma in .pdf |

spazio

9/4/2016 - ore 17:30 - Auditorium della Fondazione

Pietro Giordani e le origini dell’Accademia di Belle Arti di Bologna

Pietro Giordani e le origini dell’Accademia di Belle Arti di Bologna

Appunti per una storia dell’impegno civile ed artistico di Pietro Giordani (1808-1815)

Presentazione del volume di ANDREA EMILIANI

Pietro Giordani e le origini dell’Accademia di Belle Arti di Bologna

Appunti per una storia dell’impegno civile ed artistico di Pietro Giordani (1808-1815)


Interverranno, con l’Autore, Francesca Fedi e Maria Luigia Pagliani
Alberto Gromi
leggerà un brano dal Panegirico ad Antonio Canova di Pietro Giordani

Approfondisci | Stampa evento | Programma in .pdf |

spazio

11/4/2016 - dalle ore 9:00 alle ore 19:30 - Auditorium della Fondazione

“Chi lo chiama amore?” - La violenza di genere: un fenomeno complesso

“Chi lo chiama amore?” - La violenza di genere: un fenomeno complesso

Convegno

MODERATORE
D.ssa Nicoletta Bracchi
Direttore di Telelibertà e Liberta.it

D.ssa Elena Buccoliero
Direttrice della “Fondazione emiliano-romagnola per le vittime dei reati”

D.ssa Chiara Cretella
Assegnista di Ricerca in sociologia presso il Dipartimento di Scienze dell’Educazione dell’Università di Bologna, si occupa di violenza contro le donne ed educazione di genere.

Dott. Luca De Giorgis
Giudice onorario minorile e consulente educativo del centro specialistico ”Il Faro” Ausl Bologna

D.ssa Laura Mentasti
Sociologa e formatrice, collabora ad attività di ricerca e formazione sui temi delle alterità.

D.ssa Laura Pomicino
Psicologa – Psicoterapeuta, docente a contratto presso Università degli Studi di Trieste

D.ssa Alessandra Pauncz
Psicologa e psicoterapeuta, consulente di parte presso il Tribunale dei Minori e presso il Tribunale in cause di separazioni e divorzi con situazioni di maltrattamento. Nel 2009 ha fondato a Firenze il primo centro italiano che si occupa di uomini violenti nei confronti delle donne: C.a.m. (Centro ascolto uomini maltrattanti)

D.ssa Gloria Soavi
Psicologa, psicoterapeuta, esperta in psicotraumatologia. Presidente Nazionale del Coordinamento Italiano dei Servizi contro il Maltrattamento e l’Abuso all’Infanzia.

PROGRAMMA
MATTINA

9,00
Accoglienza e registrazione partecipanti

9,20 Saluti e intervento delle Autorità e presentazione della rete territoriale

10,00 D.ssa Chiara Cretella
La violenza contro le donne: linguaggi, media, rappresentazioni

10,40 D.ssa Laura Pomicino
La violenza dal punto di vista delle donne: conseguenze ed aspetti traumatici

11,20 D.ssa Alessandra Pauncz
Il lavoro con gli autori di violenza: dalla normalità alla violenza

12,00 D.ssa Gloria Soavi
La violenza assistita: il maltrattamento dimenticato

12,40 Interazione con i partecipanti

13,15 Chiusura dei lavori della prima parte

POMERIGGIO
14,20
Ripresa dei lavori

14,30 D.ssa Laura Mentasti
Violenza di genere: una questione culturale

15,10 Dott. Luca De Giorgis
Il percorso giudiziario del minore vittima di abuso e grave maltrattamento: indicazioni giuridiche e pratiche

15,50 D.ssa Elena Buccoliero
La Fondazione emiliano-romagnola per le vittime dei reati

16,45 Interazione coi partecipanti

17,00 Interveto studenti scuole superiori

17,15 Aperitivo

18,00 Lettura teatrale
I bambini non hanno sentito niente.
Teatro dell’Argine

19,15 Saluti e chiusura giornata evento

Approfondisci | Stampa evento | Programma in .pdf |

spazio

1   2   3   4  successiva 

Sono presenti per la ricerca 3211 eventi

Ricerca Evento

Anno: 
Mese: 
Giorno: 
Parole Chiave: 
Solo eventi in Auditorium: 
 

spazio
spazio spazio spazio
spazio spazio spazio