Fondazione di Piacenza e Vigevano News
  Come Richiedere un Contributo
spazio
  News
spazio
  Rassegna Stampa
spazio
  Comunicati Stampa
spazio
  Eventi Auditorium Piacenza
spazio
  Eventi Auditorium Vigevano
spazio
  Newsletter
spazio

invia
 
Home Page     Comunicati Stampa   

Comunicati Stampa

43 presenti

18/6/2019 - ore 11:30 - Salone d’Onore della Fondazione di Piacenza e Vigevano

Summertime in Jazz 2019

Summertime in Jazz 2019

Conferenza stampa di presentazione

Conferenza stampa di presentazione della sesta edizione del Summertime in Jazz 2019 che si terrà dal 19 luglio al 9 agosto 2019.

Interverranno

Alberto Dosi
Membro del C.d.A. della Fondazione di Piacenza e Vigevano e responsabile del settore cultura

Gianni Azzali
Presidente del Piacenza Jazz Club e direttore artistico della rassegna

E’ gradita gentile conferma

Angelica Dadomo - Ufficio Stampa
ufficiostampa@piacenzajazzclub.it
339.3266902

Approfondisci | Stampa comunicato

spazio

26/3/2019 - ore 12:00 - Fondazione di Piacenza e Vigevano

Progetto "Week-end di sollievo"

Progetto "Week-end di sollievo"

Convenzione di attuazione

La Fondazione di Piacenza e Vigevano ha dato attuazione a un nuovo progetto di sostegno al settore “welfare” in collaborazione e partecipazione con i comuni di Piacenza, Castelsangiovanni e Fiorenzuola, l’Azienda Sanitaria Locale di Piacenza e la Fondazione Pia Pozzoli “Dopo di noi”, l’associazione William Bottigelli e la Coperativa Aurora Domus (in quanto mandataria dell’associazione temporanea di imprese costituita con le cooperative sociali Assofa e Il Germoglio Due).

Il progetto denominato “Weekend di sollievo” permetterà a persone diversamente abili di "vivere da adulti nella nostra città" attraverso percorsi di residenzialità al di fuori dell’ambito familiare. L’obiettivo è quello di conseguire beneficio ai soggetti fragili e alle loro famiglie: le persone con disabilità, avranno la possibilità di sperimentare dei percorsi di autonomia attraverso una graduale separazione dalla famiglia di appartenenza per ricercare la costruzione di un'identità adulta, i congiunti non verranno lasciati soli anche in giorni nei quali i centri diurni non svolgono la loro attività; avranno l'alleggerimento del carico di assistenza e cura, nonché un sostegno concreto ad elaborare ed accettare la transizione del proprio figlio verso una possibile vita autonoma.

Approfondisci | Stampa comunicato | Allegato in .pdf

spazio

13/3/2019 - ore 12:00 - Fondazione di Piacenza e Vigevano

"Piacenza per gli anziani"

"Piacenza per gli anziani"

Posti di Casa Residenza Anziani a costi calmierati per le famiglie

Siglato in Fondazione il Protocollo per la realizzazione del Progetto: "Piacenza per gli anziani", posti di Casa Residenza Anziani a costi calmierati per le famiglie.
Protocollo fra:

Fondazione di Piacenza e Vigevano, rappresentata dal Presidente Massimo Toscani;
Comune di Piacenza, quale capofila del Distretto Sociosanitario Città di Piacenza, rappresentato dal Sindaco Patrizia Barbieri;
Comune di Castel San Giovanni, quale Comune capofila del Distretto Sociosanitario di Ponente, rappresentato dal Sindaco Lucia Fontana;
Comune di Fiorenzuola d'Arda, quale Comune capofila del Distretto Sociosanitario di Levante, rappresentato dal Sindaco Romeo Gandolfi;
Consulta Diocesana di Piacenza e Bobbio rappresentata dal Direttore Giuseppe Chiodaroli;

Si allega il Protocollo

Approfondisci | Stampa comunicato | Allegato in .pdf

spazio

20/2/2019 - ore 17:00 - Cinema Corso di Piacenza

IL FIUME DI ANNIBALE

IL FIUME DI ANNIBALE

Una produzione Fondazione di Piacenza e Vigevano realizzata da Terratrema Film per la regia di Giacomo Gatti | Proiezione e tavola rotonda

Un cortometraggio per raccontare la battaglia della Trebbia in un modo totalmente inedito, ovvero dal punto di vista del fiume, e una tavola rotonda con i rappresentanti delle istituzioni per affrontare i temi della tutela e valorizzazione dei luoghi che a questo racconto fanno da sfondo. È il ricco programma dell’evento che si terrà mercoledì 20 febbraio alle 17 presso il cinema Corso di Piacenza nell’ambito delle iniziative collaterali che affiancano la grande mostra Annibale un mito mediterraneo in corso a Palazzo Farnese.

Anzitutto il cortometraggio: Il fiume di Annibale è diretto da Giacomo Gatti, prodotto dalla Fondazione di Piacenza e Vigevano e realizzato da TerraTrema Film.

Scritto dallo stesso Gatti con Elia Gonella, ha la consulenza storica di Giovanni Brizzi (curatore scientifico della mostra su Annibale) e il progetto editoriale di Giangiacomo Schiavi. Il fiume di Annibale narra lo scontro leggendario e tragico tra il condottiero cartaginese e i romani, facendolo rivivere, in nove minuti, attraverso la potenza evocativa della natura e dei luoghi autentici che hanno visto passare la Storia.

Ripreso con le più sofisticate tecnologie cinematografiche in 4K, Il fiume di Annibale vuole essere il primo capitolo per un più ampio racconto sulla Trebbia e le sue valli.

Un itinerario da tutelare e da valorizzare perché rappresenta un modello avanzato di sostenibilità: con l’acqua, la natura, i tesori d’arte, le testimonianze del passato e il capitale umano che trasforma i sogni in impresa. Intorno a questo fiume e alla sua storia continua oggi un altro racconto: quello di paesi e borghi da vivere, da amare e da difendere.

Se ne parlerà nella tavola rotonda Un sogno lungo il Trebbia. Con il giornalista Giangiacomo Schiavi dialogheranno il presidente della Regione Emilia Romagna Stefano Bonaccini, il sindaco di Piacenza e presidente della Provincia Patrizia Barbieri e il presidente della Fondazione di Piacenza e Vigevano Massimo Toscani.

La proiezione è ad ingresso libero.


IL FIUME DI ANNIBALE

prodotto da: Fondazione di Piacenza e Vigevano

realizzazione: Terratrema Film
scritto da: Giacomo Gatti e Elia Gonella

consulenza storica: Giovanni Brizzi

progetto editoriale: Giangiacomo Schiavi

musiche: Maria Maddalena Scagnelli

fotografia: Marco Sgorbati

riprese aeree: Davide Capra

montaggio: Omar Cristalli

suono: Giancarlo Boselli

coordinamento della produzione: Gianluigi Tambresoni Studio E Tre

Giacomo Gatti vive e lavora a Milano come regista, docente e giornalista. Ha diretto documentari e fiction tra cui il film Palladio d’imminente uscita nei cinema (maggio 2019) e Michelangelo, il cuore e la pietra con Rutger Hauer e Giancarlo Giannini che ha inaugurato il canale Tv Sky Arte. Dal 2005 ha collaborato a tutti i documentari del regista Ermanno Olmi. Insegna al Politecnico di Milano nella Facoltà Design degli Interni.

Approfondisci | Stampa comunicato | Allegato in .pdf

spazio

18/2/2019 - ore 12:00 - Auditorium della Fondazione

Presentati in Fondazione “I Giovedì della Bioetica”

Presentati in Fondazione “I Giovedì della Bioetica”

Otto appuntamenti nel 2019: si parte il 21 marzo con la conferenza di Telmo Pievani

Sono stati presentati questa mattina, in Fondazione, “I Giovedì della Bioetica” 2019. Otto conferenze di otto grandi studiosi italiani di profilo nazionale ed internazionale - dal giovedì 21 marzo a giovedì 14 novembre - sui grandi temi della bioetica: dall’ingegneria genetica all’etica dell’immortalità, dall’invadenza della tecnologia all’intelligenza artificiale.

L’iniziativa è promossa dell’Istituto Italiano di Bioetica - Sezione Emilia Romagna e dalla Fondazione di Piacenza e Vigevano.

Si parte il prossimo 21 marzo, alle 17,30, nell’Auditorium della Fondazione di Piacenza e Vigevano, in via Sant’Eufemia con Telmo Pievani dell’Università di Padova sul tema Riscrivere il DNA. La rivoluzione in corso nell’ingegneria genetica.

Il curatore scientifico dei Giovedì della Bioetica, Giorgio Macellari, presidente della Sezione Emilia Romagna e il presidente della Fondazione di Piacenza e Vigevano, Massimo Toscani, hanno illustrato il valore di questo nuovo progetto culturale «destinato ad un pubblico eterogeneo di studenti, studiosi e intellettuali, ma anche semplici cittadini, di curiosi, coraggiosi e trasgressivi per sensibilizzare le gente sull’importanza del sapere scientifico e delle riflessione filosofica sulla Bioetica nel tempo che viviamo».

«Gli autori e i temi delle conferenze – ha spiegato Giorgio Macellari – hanno come sfondo comune l’interrogazione sulle implicazioni etiche delle innovazioni scientifiche e biotecnologiche all’insegna del motto Tutto è consentito all’uso della Scienza per l’Uomo. Nulla è consentito all’uso dell’Uomo per la Scienza.

La sezione Emilia Romagna, con sede a Piacenza, a ottobre ha ripreso le sue attività con una nuova organizzazione e nuovi soci (medici, insegnanti, avvocati, giornalisti, sacerdoti, educatori) e si propone, come ha sottolineato Giorgio Macellari, «di sollecitare un dibattito culturale intorno a temi di rilevanza scientifica, filosofica e morale e alle loro ricadute pratiche nella nostra vita quotidiana».

Lo spirito della Sezione dell’Istituto di Bioetica è «squisitamente multidisciplinare – ha aggiunto Macellari – e concepisce l’integrazione fra saperi diversi come strumento di innovazione, progresso, libertà e democrazia e la diversità come una ricchezza e la difende come cammino verso la tolleranza e la convivenza pacifica».

«Con i “Giovedì della Bioetica” – ha concluso Giorgio Macellari – promuoviamo il Sapere, con un particolare riferimento a quello scientifico, ma ampiamente integrato a quello umanistico in quanto opportunità per la crescita individuale e sociale, fisica e psicologica, intellettuale e spirituale».

Dopo la conferenza di marzo con Pievani, sono previsti due appuntamenti nel mese di aprile. Il 4, sempre alle 17.30, l’incontro con Speranza Falciano, dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare di Roma, che parlerà delle Discriminazioni di genere nelle scienze dure. Uomini contro donne?

L’11 sarà Domenico De Masi, dell’Università la Sapienza di Roma, a parlare de Il lavoro nel XXI Secolo. Il 9 maggio, Daniele Novara, dell’Università Cattolica di Milano, affronterà L’invadenza della tecnologia nel mondo dei giovani.

Si riprende in autunno, il 26 settembre, con Carlo Alberto Redi, dell’Università di Pavia che affronterà il tema Genomica Sociale. Come la vita quotidiana può modificare il nostro DNA.

Due appuntamenti nel mese di ottobre. Il 10 con Roberto Cingolani, dell’Istituto Italiano di Tecnologia di Genova, che parlerà di Intelligenza artificiale. Applicazioni e implicazioni etiche nell’imminente futuro. Il 24 con Remo Bodei, della University of California-Los Angeles, che metterà a confronto L’Intelligenza artificiale e le biotecnologie. I Giovedì della Bioetica chiuderanno il 2019 il 14 novembre, con Matteo Cerri, dell’Università di Bologna con la relazione La scienza del freddo. Dagli ibernauti all’etica dell’immortalità.

Approfondisci | Stampa comunicato | Allegato in .pdf

spazio

1   2   3   4   5  successiva ultima pagina 

spazio spazio spazio
spazio spazio spazio