Fondazione di Piacenza e Vigevano News
  Come Richiedere un Contributo
spazio
  News
spazio
  Rassegna Stampa
spazio
  Comunicati Stampa
spazio
  Eventi Auditorium Piacenza
spazio
  Eventi Auditorium Vigevano
spazio
  Newsletter
spazio

invia
 
Home Page    Comunicati Stampa     Le opere di Pacifico Sidoli nella sede della Fondazione   

 

Lunedì 17 Luglio 2017 - ore 12:30 - Fondazione di Piacenza e Vigevano

Le opere di Pacifico Sidoli nella sede della Fondazione

Contratto di comodato d’uso tra la la famiglia dell’artista e l’ente

Le opere di Pacifico Sidoli nella sede della Fondazione PIACENZA. Una selezione di opere di Pacifico Sidoli (Bettola, 1868 – Piacenza 1963) è stata concessa dalla famiglia dell’artista in comodato d’uso gratuito alla Fondazione di Piacenza e Vigevano. Grazie a tale accordo, tre tele di Sidoli saranno infatti esposte al pubblico presso la sede dell’ente, in via S. Eufemia 13. Si tratta delle opere Sole (cm. 120 x 85), Diogene (cm. 171 x 128) e Fantasmi del passato (cm. 262 x 176).
L’iniziativa è stata illustrata a Palazzo Rota Pisaroni, alla presenza della nipote dell’artista Laura Sidoli, e dal presidente della Fondazione Massimo Toscani.

Pacifico Sidoli nacque nel 1868 a Rossoreggio di Bettola. Si avvicinò fin dalla più tenera età all’arte, seguendo l’inclinazione artistica della famiglia (gli artisti Nazzareno e Giuseppe Sidoli erano suoi fratelli).
Fu allievo di Bernardino Pollinari presso l'Istituto «Gazzola». Giovanissimo, si segnalò fin da subito in ambito locale per il tratto lieve e la grande capacità. Nel 1892 ebbe la prima commissione pubblica: per la chiesa piacentina di Sant’Eufemia eseguì il S. Folco Scotti. In seguito si recò a Parigi, dove fu presto ammesso ai Salons: sue opere figurarono nel gruppo dei Divisionisti accanto a quelle di Segantini e di Previati. Qui si fece un buon nome non solo come ritrattista, ma anche come pittore di paesaggi, realizzati ad olio, a pastello o all'acquarello. Allestì personali oltre che a Parigi, a Londra, a Pietroburgo, a Strasburgo. Partecipò alla Biennale di Venezia del 1912. Ritornato in Italia, nel '30 si stabilì a Milano, ove rimase fin verso il 1960, quando ritornò a Piacenza, dove si spense nel 1963.

Molte sono le sue opere conservate in collezioni pubbliche e private. Una sua opera è nel Museo di Strasburgo, altre, giovanili, presso l'Istituto «Gazzola» di Piacenza (tra le quali un ritratto di Bernardino Pollinari, San Giovannino e un Paggio del 500 (1891). Sue opere sono esposte alla Galleria d’Arte moderna Ricci Oddi, che nel 1996 gli dedicò un’antologia. A Piacenza nel 1913 dipinse, anche ad affresco e a tempera, il soffitto del palazzo della Banca Cattolica di S. Antonino ora Poste centrali.

Torna all'elenco | Versione stampabile | Allegato in .pdf

spazio spazio spazio
spazio spazio spazio