Auditorium > Piacenza > Il grande balzo dell’astronomia

Il grande balzo dell’astronomia

07febbraio2020ore 17:45Auditorium della Fondazione, via S. Eufemia, 12 - Piacenza

Adams - Le Verrier - Galle: la Scoperta di Nettuno

ANDREA FOPPIANI

Una storia veramente intrigante quella della scoperta dell’8° pianeta del Sistema Solare, nata prima nella mente di matematici illuminati e poi evidenziata realmente con l’osservazione diretta. Siamo nel 1846 quando viene finalmente scovato nel cielo questo pianeta gigante che appare al telescopio dell’osservatorio astronomico di Berlino come un piccolo dischetto blu. Sarà poi la sonda Voyager 2 con un sorvolo ravvicinato nel 1989 a mostrarci il vero volto di Nettuno, un pianeta gassoso costituito principalmente da idrogeno ed elio similmente agli altri pianeti gassosi del Sistema Solare, ma con tracce di metano nei suoi strati esterni che contribuiscono al suo colore blu intenso. Scoperte successive metteranno in luce alcuni deboli anelli e i suoi 14 satelliti naturali.

..............

 

L’astronomia risale all’origine dell’Uomo quando egli, traguardando attraverso semplici riferimenti naturali, si accorse di avere davanti a sé una “trapunta di stelle” in movimento che sapeva indicargli con precisione le stagioni della caccia, della semina e del raccolto. Ma il vero sviluppo dell’astronomia inizia con l’utilizzo del “cannocchiale” di Galileo Galilei applicato allo studio del cielo. Con questo strumento, denominato successivamente “telescopio”, è iniziato lo studio metodico dei corpi celesti a cominciare dalla Luna, dal Sole e dai pianeti allora conosciuti, per arrivare poi a capire l’essenza stessa delle stelle, per scoprire nebulose e galassie, per conoscere le leggi della natura che dominano il Cosmo. I quattro secoli susseguenti a Galileo Galilei sono stati fondamentali per comprendere compiutamente il nostro Cosmo vicino, il Sistema Solare, e per accorgerci che stiamo vivendo in un macro-cosmo costituito da miliardi di galassie. Le tecnologie attuali ci consentono di riprendere innumerevoli immagini in alta definizione dei corpi celesti studiati nel recente passato, soprattutto grazie ai grandi telescopi terrestri e spaziali oggi operativi e grazie alle numerose sonde interplanetarie lanciate dall’Uomo per la ripresa ravvicinata dei principali corpi del Sistema Solare.
---------------

Ciclo di conferenze a cura del Gruppo Astrofili di Piacenza
Gli incontri hanno carattere divulgativo e sono destinati ad un ampio pubblico.
Ingresso libero
Per informazioni tel. 339.3650125

Scarica la Locandina e il Leaflet

Iscriviti alla nostra mailing list