News > Incò_ntemporanea Festival

Incò_ntemporanea Festival

09ottobre2020Ore 21:30Ex-chiesa di Sant'Agostino - Piacenza

Incó_ntemporanea Festival, festival di musica contemporanea a Piacenza torna per la sua quarta edizione il 9-10-11 Ottobre 2020, con un cartellone di due eventi dal vivo allo spazio Volumnia nell’ex-chiesa di Sant’Agostino e un evento in Palazzo Ghizzoni Nasalli la cui fruizione è mista: online e dal vivo. Gli eventi sono ad entrata libera, con posti limitati e con ingresso su prenotazione, seguendo le disposizioni sanitarie in vigore.

 

Giorno I - 9.10.2020 Collettivo_21 @ Volumnia, Ex-chiesa di Sant’Agostino, Piacenza. 

Il festival si apre con il consueto concerto del Collettivo_21, anche per questa edizione in collaborazione con Concorto Film Festival. Il programma proposto dall’ensemble piacentino si articola in cinque brani, intervallati da tre cortometraggi selezionati dal Concorto Film Festival. I brani, oltre alle prime due esecuzioni assolute Double Dose (2020, per ensemble e live electronics) di Luca Guidarini e Private Journal of Dreams (2020, per ensemble ed elettronica) di Claudio Panariello, vedono la prima esecuzione di italiana di [p][k][t] per ottavino e live electronics, e le esecuzioni di Ludica II (2009, per ensemble ed elettronica) di Marco Momi, e À Fleur de Peau (2019, per chitarra elettrica) di Giulia Lorusso.

Giorno II - 10.10.2020 Duo Dubois @ Volumnia, Ex-chiesa di Sant’Agostino, Piacenza.

Il secondo concerto vede come protagonisti il Duo Dubois, formato nel 2011 da Alberto Cavallaro (sassofoni) e Federico Tramontana (percussioni). L’originalità dell’organico ha portato i due musicisti a collaborare strettamente con compositori, le cui commissioni sono state eseguite dal duo in numerosi concerti e incisioni discografiche.

Attivi in tutta Europa, propongono per Incó_ntemporanea un programma dove, oltre agli strumenti della loro formazione, li vede attivi in una proposta musicale tesa alle moderne sperimentazioni sul mezzo e sulla performance. Saranno eseguiti quindi: Tutte le estensioni dell’aura (2019, per percussioni, sassofono e dispositivi elettroacustici) di Maurizio Azzan, Schwingende Systeme, C (2016/17, per due performers e pianoforte a coda) di Michael Maierhof, Drummed Variation (2014, per no-drumset e KaossPad) di Sarah Nemtsov e in prima esecuzione assoluta Exouda II (2020, per rullante, laptop e microfoni per campi elettromagnetici) di Tommaso Settimi.

 

Giorno III - 9.10.2020 Ars Cyber != Dystopian @ Online/Palazzo Ghizzoni-Nasalli, Piacenza.

L’ultimo giorno del festival sarà dedicato alla realizzazione dell’installazione performativa digitale della durata di 24h, ad opera di Alessandro Perini, Claudio Panariello, Luca Guidarini e il Collettivo_21.  

Siamo entrati a contatto in questi mesi più che mai con degli spazi reali/non reali che esistono solamente grazie al supporto digitale e virtuale. Li abbiamo conosciuti, adattati a qualsiasi situazione sociale, lavorativa, personale e amorosa. Abbiamo visto il proliferare in streaming di concerti e premiere di nuove opere, visite guidate virtuali a mostre e musei, per continuare a far sopravvivere il mondo culturale odierno, riportando di fatto l’esperire il reale in una dimensione non reale, nel cyberspazio.

Cyberspazio: l’internet, considerato come un’area immaginaria senza limiti, dove si possono incontrare persone e reperire informazioni su qualsiasi argomento.

Ars Cyber != Dystopian è l’indagine di alcune delle possibilità artistiche che offre il cyberspazio, articolate in due installazioni sonore e performance digitali, fruibili digitalmente e solo parzialmente dal vivo per 24h.

 

Cyberspazio 1: AI’ve just started to learn to play – Alessandro Perini

Il musicista autodidatta di oggi ha a disposizione una quantità potenzialmente infinita di materiali didattici, in primis i video-tutorial di Youtube.

AI’ve just started to learn to play è un musicista apprendista automatizzato e impaziente, che impara a suonare nel momento stesso in cui gli viene insegnato qualcosa, che jamma incessantemente con dei musicisti reali. Dentro questo cyberspazio, oltre all’osservazione di questo incessante processo di apprendimento e alla sua interazione con i musicisti del Collettivo_21, è possibile comparare virtualmente questo processo con il video dal quale il musicista sta imparando.

 

Cyberspazio 2: A mic in a box - Claudio Panariello, Luca Gudarini

A mic in a box è la realizzazione e la manipolazione delle possibilità sonore di un posto fisico, che si trasforma in cyberspazio.

Un posto con delle proprie caratteristiche acustiche, scenografiche, ambientali, la cui esperienza fruitiva è mediata dal mezzo informatico. Il suono all’interno di questo cyberspazio esistente nel piano fisico è a sua volta generato direttamente dagli utenti che accedono ad esso, lasciano un’impronta acustica del loro passaggio, contribuendo così a creare un vero a proprio paesaggio sonoro, sì realmente esistente in un preciso luogo fisico ma allo stesso tempo fruibile solo virtualmente.

 

Incó_ntemporanea Festival è possibile con il supporto di Ernst Von Siemens Music Foundation, Camera di Commercio di Piacenza, Fondazione di Piacenza e Vigevano, Comune di Piacenza.

 

Direzione artistica:

Luca Guidarini (luca.guidarini@gmail.com; +39 338 3684289);

Collettivo_21 (info@collettivo21.com;  +39 338 8371950; +39 320 4273260).

 

Segreteria artistica:

Laura Sicignano (incontemporanea@collettivo21.com; +39 338 5372523)

----------

 

www.incontemporaneafestival.com

Iscriviti alla nostra mailing list